Slow Train

Grazie al coinvolgimento e ad alla collaborazione del Gruppo ALe 883, che gestisce il più importante deposito di treni d’epoca della Lombardia, la Società di Sviluppo Locale ha delineato una proposta progettuale che propone, nei sei mesi di durata dell'Expo, un’esperienza davvero unica: un viaggio su carrozze ristorante d'epoca quale collegamento diretto fra i padiglioni di Expo Milano 2015 e la Valtellina. La peculiarità di questo treno d’altri tempi sarebbe data dal servizio di ristorazione in cui pranzi e cene verrebbero realizzati da chef di fama internazionale impegnati ad inventare nuove ricette utilizzando i prodotti tipici del territorio. Insomma, un Orient Express dal sapore valtellinese, un’esperienza enogastronomica d’eccellenza. Proprio da qui nasce l’idea del nome Slow train, slow come slow food, denominazione oramai d’uso comune per indicare il ritorno ad un’alimentazione tradizionale, caratterizzata da cibi di qualità, che rimanda anche ad una dimensione culturale, uno stile di vita lento, capace di cogliere le bellezze e le bontà di un territorio...proprio come farebbe un convoglio a vapore d’epoca che attraversa paesaggi naturali suggestivi e propone l’enogastronomia d’eccellenza del territorio rivisitata dalla migliore cucina internazionale: questo è il nostro Slow Train.